Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network.
Cliccando su Accetto, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento si acconsente all'uso dei cookie. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Ulteriori informazioni.

 

Ventidue ragazzi pieni d’entusiasmo, quattro docenti accompagnatori affiatati, tre giorni da trascorrere in Alsazia dal sei all’otto maggio.

Gli ingredienti c’erano tutti, perché l’esperienze si rivelasse indimenticabile per i partecipanti.

E le aspettative non sono state tradite, anzi.

Il bel tempo ha accompagnato quasi tutta l’esperienza, gli ombrelli sono stati “scomodati” soltanto durante la visita all’ultima pittoresca cittadina di Eguishem, un fuori programma incantevole.

Strasburgo, il primo giorno, ha inebriato la comitiva: la cattedrale, le “maison à colombage”, le “boulangeries”, la “Petite France”, i negozietti che sprizzavano mille colori, ma soprattutto la leggerezza di un gruppo unito nella voglia di stupirsi e stupire.

La seconda giornata, apparentemente più austera e seriosa, prevedeva la visita del Parlamento Europeo.

I ragazzi hanno risposto con il massimo rispetto verso l’istituzione che li ospitava.

Nel pomeriggio, invece, un “tour en bateau” lungo il fiume che taglia in due la città, permetteva di godere la “ville” da un altro punto di vista.

Prima di rientrare in albergo ci si addolciva presso il Museo “Le secrets du chocolat”.

La terza giornata è stata dedicata  ad una cittadina, che definire un gioiellino sarebbe un eufemismo: Colmar!

Tempo di aprire gli ombrelli, ci si è ritrovati catapultati  a San Giusto, stanchi, ma tutti pieni di gioia e ricchi di emozioni, di immagini e di momenti, che difficilmente si potranno dimenticare.

                                                                                                      I Professori