Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network.
Cliccando su Accetto, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento si acconsente all'uso dei cookie. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Ulteriori informazioni.


Scuola dell' Infanzia
 
icona

Scuola Primaria
 
icona

Scuola Secondaria
 

Comunicazioni e notizie

Dopo aver partecipato al Progetto " I speak contemporary", realizzato nell'ambito del Progetto Diderot della Fondazione CRT, a cura della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, gli alunni delle classi prime della Scuola Primaria di San Giusto hanno aderito al contest "ART AT TIMES" presentando un remake della celebre  "Notte Stellata" di  Van Gogh realizzata con varie tecniche e materiali

  

Quando pensiamo alla Notte Stellata di Vincent Van Gogh un'immagine ben chiara si forma nella nostra testa: due alberi scuri sulla sinistra del dipinto,  che svettano di fronte ad un piccolo paesino francese immerso nelle rotondità delle colline. Nel cielo, stelle, nuvole, la luce della luna, spazi cosmici prendono forma e movimento in un turbinio, un vortice.        I colori che abbiamo in mente sono i blu, i gialli, qualche arancio, il nero della notte.  Ma cosa succederebbe alla notte stellata se diventasse un'alba? O un'esplosione soleggiata?  Cosa succederebbe se l'inquietudine di Van Gogh venisse trasformata in un caos gioioso? Ecco quello che hanno fatto nel loro remake gli studenti di 1°A e 1°B della Scuola Primaria Gozzano di San Giusto: la loro notte stellata è rossa e arancione, e diventa ancora più materica grazie al collage di diversi materiali sul foglio.